A Bamberga diciassette birre italiane sul podio di European Beer Star 2016, competizione per soli stili birrari europei

“Uno dei concorsi birrari più importanti del mondo” recita il sito di “European Beer Star“, la competizione internazionale organizzata dall’associazione Private Brauereien che dal 2004 si è fatta strada nel mondo della birra. Di sicuro è molto competitivo, visto che per l’edizione 2016 concorrevano 2.103 birre da 44 paesi diversi – record assoluto di partecipazioni, superiore alle 1.675 dell’anno precedente. Sono ammessi birrifici da tutto il mondo, da micro realtà a carattere locale ai grandi produttori internazionali, a patto che rispettino una regola fondamentale: la birra si deve attenere a uno stile di produzione tradizionale ed europeo.

I giudici dell'edizione 2016 al lavoro (fonte: Facebook)

I giudici dell’edizione 2016 al lavoro (fonte: Facebook)

Tra 6 e 7 ottobre 2016 alla Doemens Akademie a Grafelfing, in Germania, una giuria internazionale composta da mastri birrai, giornalisti e sommelier della birra ha degustato alla cieca le birre partecipanti, per poi premiare le tre migliori per ognuna delle 57 categorie con medaglie d’oro, argento e bronzo.

Come riportato da Slowfood, l’Italia ha riportato dieci medaglie d’oro, cinque medaglie d’argento e due di bronzo, che sono state assegnate il 9 novembre a Norimberga nell’ambito della nota fiera di settore BrauBeviale, durante la “Notte dei vincitori” di European Beer Star.

beer_competitors

Il deposito delle birre partecipanti all’edizione 2016 (fonte: Facebook)

Ecco tutti i vincitori dell’Oro: Birrificio Antoniano con la “Borgo della Paglia” nella categoria delle birre con cereali alternativi; Birrificio del Ducato con la “Wedding Rauch” nella sezione delle birre affumicate; “Regina del Mare” di Birrificio del Forte, al primo posto nella categoria dubbel in stile belga; “Heller Bock” e “Schwarz” del birrificio Elvo nelle categorie omonime; la birra di frumento in stile belga “San Lorenzo” e la birra con erbe e spezie la “Fleur Sofronia”, entrambe del produttore Mc77; Birrificio Perugia con “Calibro 7” tra le New Style pale ale e con “Isterica” per la tipologia sour; infine la scotch ale “Fortezza Nuova” di Piccolo Birrificio Clandestino 

L’Argento è andato alla kellerpils in stile tedesco “Philippe”, creazione del birrificio Biren, alla Doppelbock di Elvo nella categoria dunklerbock tedesca, al Birrificio del Forte con la strong ale belga “La Mancina”, alla “Strike Apa”, New Style Pale Ale di Mezzopasso; e alla dubbel belga di Tenute Collesi, “Collesi Nera”.

La “Dunkel” del produttore Batzen e la kellerpils tedesca “Magut” del Birrificio Lambrate si sono invece guadagnate la medaglia di bronzo.