Abbinare vino e musica è il lavoro di Paolo Scarpellini, che sarà a Fanzolo di Vedelago per “300% Wine Experience”

Cos’è meglio di bere un vino squisito accostandolo al cibo giusto? Abbinarlo perfettamente alla musica. Ci pensa un professionista, il sound sommelier, che sceglie le composizioni da accostare al vino in modo che la combinazione tra piacere gustativo ed uditivo valorizzi il più possibile la bevanda.

Domenica 12 marzo, in occasione di “300% Wine Experience”, il giornalista e music designer Paolo Scarpellini, inventore di questa professione innovativa, sarà presente nella palladiana Villa Emo, a Fanzolo di Vedelago (TV). Durante il convegno Il vino che si sente, Scarpellini dialogherà sul legame tra musica e mondo del vino con Bruno Boveri, direttore della web radio “La voce del vino”, con il produttore Albino Armani, pioniere della musica in cantina, e con Guido Zaccagnini, docente di Storia della Musica al conservatorio di Santa Cecilia a Roma e conduttore di Rai Radio 3.

Come ha raccontato Scarpellini all’agenzia Ansa, l’opera del sommelier sonoro comincia dal vino, con l’analisi delle caratteristiche organolettiche, territorio, vitigno, annata, allo scopo di ottenere la massima armonizzazione multisensoriale, tra impulsi sonori e gustativi. Lo stesso procedimento si può praticare con altre bevande da meditazione, come birre e distillati.

In base agli elementi da valorizzare al palato, poi, il sommelier sceglie dal proprio archivio la musica con le qualità più adatte ad accompagnare un determinato vino: vanno valutati il tipo di ritmo, il genere, la struttura del brano, lo spettro sonoro, ma anche l’esecuzione (solista o d’insieme), e la provenienza e la tipicità, in maniera che si accordino nel modo migliore con colore, aromi, grado alcolico.

Tra i fattori che influenzano la scelta del sound sommelier rientrano anche il luogo, la stagione e l’ora della degustazione: l’atmosfera – e, di conseguenza, la musica più adatta – sarà diversa a seconda che ci si trovi in città, al mare o in campagna, che la stagione sia calda o fredda, che si avvicini l’imbrunire o che il sole sia alto nel cielo.