A partire da sabato 15 aprile a Negrar, in provincia di Verona, l’evento raggruppa gli amanti di vino, arte e sport

Dopo la chiusura del Vinitaly a Verona, è il momento della Valpolicella: parte sabato 15 aprile il “Palio del Recioto e dell’Amarone della Valpolicella”, l’evento di degustazione e promozione della Valpolicella e dei suoi prodotti.

Il vino sarà centrale nella manifestazione organizzata dalla Pro loco di Negrar per conto del Comune: ci saranno 19 cantine della Valpolicella che presenteranno il primo Recioto, prodotto per l’occasione. La Fisar organizzerà degustazioni guidate dai propri sommelier ma è previsto anche una sessione “Impariamo a degustare”, per avvicinarsi a vini tipici come Valpolicella Superiore, Ripasso e Amarone. Il “Palio del Recioto e dell’Amarone” era stato anticipato a marzo da “La Vetrina dell’Amarone” dove per beneficenza erano state messe all’asta alcune bottiglie vintage di Amarone.

L’edizione di quest’anno, la numero 65, ha una spiccata vena enoturistica, dovuta al lancio della guida “Negrar. In Valpolicella a due passi da Verona” frutto del lavoro dall’Assessorato al Turismo del Comune di Negrar assieme all’Associazione Strada del Vino Valpolicella.

Sempre nella direzione della promozione turistica va la presentazione del progetto “Infopoint” che “consentirà agli operatori – cioè negozianti, ristoratori, produttori – di diventare promotori in prima persona dei luoghi di interesse per i visitatori”, ha spiegato l’assessore al Turismo di Negrar, Camilla Coeli, aggiungendo che le istituzioni stanno collaborando “consapevoli della vocazione turistica che ha il nostro territorio, con paesaggi e beni artistico-architettonici di pregio, e dell’esigenza di porre in rete gli attori economici che in esso operano”.

Sabato, all’avvio del Palio, sarà inaugurata la mostra “Il territorio e il paesaggio della Valpolicella” che fino al 17 aprile sarà nelle sale di Corte Caprini Vason: l’esposizione, curata dall’Università del tempo libero, raccoglie dettagli e panoramiche della valle rappresentati in pitture, disegni, incisioni e fotografie di alcuni artisti veronesi.

Oltre a vino, paesaggio e arte, ci sarà spazio per lo sport: il 18 aprile – giorno conclusivo del Palio del Recioto e dell’Amarone – si disputerà una gara ciclistica internazionale per la categoria ‘under 23’, intitolata proprio “Gran Premio Palio del Recioto”.

La varietà degli eventi ha l’obiettivo di migliorare l’offerta turistica: “Il Palio negli anni si è sempre più configurato come attrattore di turisti che, non solo durante la manifestazione, ma nel corso di tutto l’anno saranno invogliati a recarsi in Valpolicella e, in particolare, a Negrar, data la sua posizione strategica tra Verona e il Lago di Garda», ha concluso l’assessore Coeli.