La Camera delle Meraviglie di Follina diventa un libro, il 9 maggio lancio a Castelfranco con assaggi dei vini Maculan

Una serata all’insegna della storia della viticultura e dell’enologia, un viaggio nel tempo e nello spazio dall’antica Grecia fino ai giorni nostri, che attraverso scienza, agronomia, enologia, tradizioni popolari incrocia e racconta la vita e le gesta di tanti protagonisti del mondo del vino. Mercoledì 9 maggio Giovanni Gregoletto, curatore del libro “Vite Ambulante. Nuove cattedre di enologia e viticultura” (Edizioni SUV, 2014) e Fausto Maculan, con la partecipazione di Guido Fini (Brandy Villa Zarri), Sandro Zara (Tabarrificio Veneto) e Roberto Santopietro dell’azienda vitivinicola Il Mongetto di Vignale Monferrato, in provincia di Alba, intratterranno gli ospiti in una coinvolgente e insolita conversazione sul vino, sul buon bere e sui suoi attori, dalla vite al bicchiere, a partire dalle 20.30 presso l’enoteca Ferrowine.

Il volume “Vite Ambulante. Nuove cattedre di enologia e viticultura” è la trascrizione letteraria di una moderna Wunderkammer – una ‘Camera delle Meraviglie’ ispirata alla tradizione collezionistica di Diciassettesimo e Diciottesimo secolo – che raccoglie oggetti legati al mondo viticolo ed enologico. La collezione è visitabile tutti i giorni e si trova a Pedeguarda di Follina (TV): all’interno sono conservati strumenti, macchinari, libri antichi, fotografie, pubblicità e recenti memorabilia dell’uva e del vino, alcuni dei quali possono essere acquistati.

Al termine della presentazione del libro ci sarà una degustazione di vini Maculan e del Brandy Villa Zarri. In particolare, verrà presentato in anteprima il “3 Volti”, Spumante Brut metodo classico Maculan, 100% Chardonnay. Lo spumante, fermentato in vasche d’acciaio (70%) e in barrique di rovere francese (30%), prende il nome dallo stemma di Breganze, dove ha sede il vigneto, che raffigura tre volti di donna ad indicare le tre contrade storiche all’origine del Comune . Come in una piccola mostra mercato, sarà inoltre possibile acquistare alcuni degli oggetti e dei prodotti raccontati nel libro.

L’ingresso è libero ed è gradita la prenotazione al telefono (0423 494314) o scrivendo al locale (info@ferrowine.it).